Sensazioni

Perplesso. Poi sconcertato. Poi turbato. Poi basito. Poi disgustato. Poi indignato. Infine furente. A partire dal pomeriggio del 24, man mano che procedeva lo spoglio delle schede elettorali e si capiva come avevano votato gli italiani, ho vissuto questi stati d’animo. Non credo sia l’unico. Lunedì sera nel corso di una cena tra amici, organizzata molti giorni prima proprio per … Continua a leggere