Nonostante tutto

Dal 29 agosto all’8 settembre nel Comune in cui vivo c’è stata la Festa de l’Unità Giovani Democratici di Albano Laziale. Una tra le tante del Partito Democratico che, in quel periodo, erano in corso nel Paese e verso la quale, in verità, non nutrivo particolare interesse. La mia avversione per le scelte e le decisioni politiche del PD è nota. Tuttavia, agli inizi di settembre la manifestazione ha ospitato il giovane Pippo Civati, avversario di Matteo Renzi nella corsa alla segreteria del PD ma, soprattutto per me, uno tra i pochi all’interno del PD che ammiro. Quella sera, sapendo della sua presenza, sono andato ad ascoltarlo e, come mi aspettavo, non ha deluso.

La prima sorpresa è stata la quantità di gente, veramente tanta, andata ad ascoltare Civati. Il mio stupore era dovuto al fatto che l’elettore della provincia romana, notoriamente, non è un simpatizzante della sinistra, neanche se è sbiadita come quella rappresentata dal PD mentre Civati, ed anche questo è risaputo, è noto per le sue battaglie affinché il PD non perda l’anima di sinistra. Altra sorpresa della serata c’è stata quando, parlando con un conoscente che era lì, ho saputo che la manifestazione era stata organizzata da un gruppo di ragazzi del PD, non solo senza il supporto del partito ma addirittura contro, visto che il Segretario della locale sezione del PD si era pubblicamente dissociato dalle decisione che quei giovani volevano prendere, in merito all’organizzazione della manifestazione. Tipo non invitare qualche “illustre” rappresentante del centrodestra oppure qualche ben noto “capo corrente” del PD e, invece, far partecipare personaggi come Antonio Ingroia e Franco Latorre oppure il giovane Civati che, tremende colpe, è stato un fermo sostenitore di Stefano Rodotà durante l’elezione del Presidente della Repubblica, non ha partecipato al voto di fiducia al Governo Letta, non ha mai nascosto la sua ostilità all’accordo con il PdL e Scelta Civica e, addirittura, è fautore di un patto programmatico con i “grillini”. Per l’attuale nomenclatura del PD, uno da scomunica! I giovani piddini di Albano Laziale non si sono lasciati intimidire e, autotassandosi, hanno organizzato tutto loro, coinvolgendo parenti ed amici nell’organizzazione di tutto ciò che era necessario per svolgere la manifestazione. A quanto ho saputo, riuscita e partecipata. Civati ha detto tante cose: immagina un partito aperto ai suoi iscritti ed elettori che continui con la tradizione delle primarie; vuole che si torni al voto con una nuova legge elettorale; è deciso a ristabilire i rapporti con Sinistra Ecologia e Libertà e, soprattutto, vuole concludere definitivamente la stagione delle così delle “larghe intese”. Ha esortato i giovani a lavorare per un PD che ritrovi l’anima di sinistra ed a liberarsi dalla morsa soffocante dei “vecchi” capi corrente. Ha anche ricordato che aveva iniziato un percorso di “rottamazione” insieme allo sfidante Matteo Renzi ma che le loro strade, ad un certo punto, si sono divise: una andava più a sinistra e l’altra era più liberale. La data del Congresso PD è ancora un mistero ma sono convinto che se il popolo piddino chiamato a partecipare alle primarie farà la scelta giusta, ci sarà ancora qualche speranza di veder governare il Paese dalla sinistra. Invece, almeno per ora e affidandomi ai resoconti diffusi dai media, scopro che all’interno delle manifestazioni del PD a cui ha partecipato, tante in verità, furoreggia Matteo Renzi. Nonostante tutto.

Nonostante tuttoultima modifica: 2013-09-22T22:35:11+00:00da bandita58
Reposta per primo quest’articolo

24 pensieri su “Nonostante tutto

  1. Sono d’accordo che il giovane Civati è una possibile speranza in questo disastrato panorama. Del resto Matteo Renzi non lo sopporto.

    • 1)Perché Renzi non è diessino.2)Perché mi pare che sia il momento di essere realisti, c’è bisogno di un governo che abbia un ampio consenso e lo può fare solo lui in questo momento.Devo continuare?Se poi vogliamo dire chi è il migliore in senso morale, intellettuale, figo etc. è un’altra questione.

    • Carissima Sara, certo che non e’ un diessino, e’ un margheritino importato dalla piu’ dorotea democrazia cristiana, sinceramente non la definirei una “ragione” nel senso proprio del termine.Ma e’ sulla seconda “ragione” che mi trovi completamente in disaccordo.Scrivi “un governo che abbia un ampio consenso”, scusami, non ti basta questo? ma lo sai che l’ampio consenso di questo esecutivo raccoglie l’85% dei voti possibili con l’aula piena?Io non so’ che farmene di uno che come cavallo di battaglia sostiene di dover “prendere i voti dai delusi di berlusconi”, se si e’ un pelino realisti si potra’ comprendere come la sinistra di questo paese debba e possa riconquistare i voti degli elettori che HANNO DA SEMPRE VOTATO A SINISTRA, bastano e avanzano per fare un governo solido e stabile.Aggiungo un ragionamento che chi e’ passato da me ha gia letto, e che proviene dalla insuperabile penna di David Grieco:”basta leggere l’Huffington Post, dove viene intervistato Alfonso Signorini, la cameriera più zelante di Berlusconi, che parla del fascino del suo amico Matteo Renzi, e lo descrive come la reincarnazione di Berlusconi.Non c’e’ niente da ridere, purtroppo. Renzi è, dalla sua visita ad Arcore in poi, il cavallo di Troia di Berlusconi in quella troia che è il PD. È un disegno perverso ma trasparente, come quello della P2.Prima si tenta di far eleggere Renzi segretario del PD con l’aiuto di Giorgio Gori, fedelissimo lacchè di Berlusconi, investendo denaro di dubbia provenienza in un tour degno di Lady Gaga. Renzi viene sconfitto da Bersani ma viene identificato come il “nuovo” e l’unico possibile vincitore in prospettiva. Poi succede tutto quello che è successo. La sconfitta di Bersani, il tradimento dei 101, eccetera eccetera.Ora Renzi si appresta a raccogliere ciò che resta del partito al prossimo congresso. Contemporaneamente, Berlusconi scioglie ciò di fatto il PDL e sperimenta le larghe intese in vista di un connubio non lontano tra PD e Forza Italia. Nel frattempo, gli elettori del PDL non sanno più a chi rivolgersi ma sono tutti ammaliati dal fascino di Renzi. E Berlusconi, ormai decaduto, annuncia che continuerà a fare politica come fa Grillo, senza sedere in Parlamento. Farà il padrino di Renzi. E il PD diventerà un PDL nuovo di zecca, votato dai vecchi elettori del PDL, da quelli nostalgici della DC e da qualche sprovveduto elettore di sinistra.Giù il cappello. Ancora una volta, Berlusconi ha fatto un capolavoro.HastaZac

  2. Ciao Carlo,stimo Civati e credo di averlo anche già detto e scritto, ma credo che si finito il tempo del Pd. Voglio direi che quel partito ormai è di centro e ciò che sta facendo lo sta dimostrando, inoltre è ancora in mano ai vecchi marpioni della politica che impediranno a personaggi come Civati di emergere.Bisognerebbe pensare a qualcosa veramente di sinistra.Buona giornata

  3. caro Carlo,che Pippo Civati piaccia ai giovani è una bellissima notizia, ma forse non ci sono abbastanza giovani per contrastare le generazioni che si lasciano ancora incantare dalle frasi ad effetto. Anche se è una scelta di Civati quella di non apparire più di tanto, ma parlare direttamente ai cittadini, la lotta con Renzi che deve solo più andare a “Ballando con le stelle” è impari.Speriamo che Renzi, dopo aver conquistato la segreteria del partito ci dica: per vincere ho dovuto prendere per il culo tutti con il mio charme da comunicatore, ma adesso voglio convincere con i fatti anche tutti quelli che pensano che io non sia di sinistra.L’ho sempre dichiarato, sono un sognatore professionista…Buona settimana Carlè. robi

  4. Mi accodo alla richiesta del Compagno Zac a Sara, il mio pensiero su Renzi: un sottoprodotto della politica del bar sport. Ciao Carlo,anche a Torino sono arrivati Civati e Renzi, il confronto, mi sono rifiutata di andare a dare uno sguardo, assieme a loro il “presenzialista renziano dell’ultima ora” ovvero, il nostro sindaco, avrei dovuto ingurgitare un blister di malox, ragion per cui, me ne sono andata all’inaugurazione del Discopub, ne ha guadagnato il mio umore.Carlo, hai scritto bene, sono pochi i giovani che usano la testa, diciamo che ogni generazione li ha avuti…sempre in netta minoranza.Buon pomeriggio Carlo ;-))

  5. PSVolevo citare Robi in queste righeCarlo, hai scritto bene, sono pochi i giovani che usano la testa, diciamo che ogni generazione li ha avuti…sempre in netta minoranza.Robi…dici bene, manca che vada a ballando con le stelle, mi domando:Ma a Firenze lascia la sua controfigura in consiglio comunale o vuole dimostrare che la figura del sindaco può andare in soffitta, non serve a un….Ciao Robi ;-))Tina

  6. “… i giovani piddini di Albano Laziale ” mi han fatto venire in mente la Serracchiani che , eletta presidente di regione in Friuli , disse in TV di non aver ricevuto nemmeno una telefonta di congratulazioni ( e di ringraziamento ) dalla direzione del partito . Della serie – se non son mummie non li vogliamo ( nè li votiamo !) “. Buona settimana ! wally

  7. Pippo Civati mi è simpatico. Cosa pensi di Fabrizio Barca come segretario dei democratici?Rispondimi sul tuo stesso blog cone facevi prima ,se ti riesce scomodo andare in un altro sito. A presto.corinina

    • Reputo Fabrizio Barca una mente sopra le righe, intelligente, pragmatico e dote rara, onesto fino al midollo, non ama il palcoscenico, quando proprio non può evitarlo, non è mai fuori contesto e quando espone un concetto non si devono fare contorsioni interpretative, le sue parole non sono mai a doppio o triplo senso.Onde per cui, Fabrizio Barca non diventerà mai segretario del PD, purtroppo.Buona serata Cri ;-))Tina

  8. oggi non è più una questione di quale politico ci governera, ma di quanti politici si arricchiscono andandoin Parlamento, poi vengono le cose che faranno e non quelle che ci dicono abbiano intenzione di fare… non mi fido più di nessuno!

  9. La cronaca delle ultime ore parla di un PD allo sbando, dilaniato dalle correnti, dove persino per Renzi forse sarà difficile prevalere.Detto questo, Civati, forse per mia manchevolezza nel seguire il filo del suo dibattito, mi sembra un’anima bella, un costruttore di fantastici castelli di parole ma di pochi fatti, grande ragionatore ma al dunque piuttosto evanescente. Magari sbaglio, speriamo.Io preferisco Cuperlo, tu guarda: mandato allo sbaraglio a farsi massacrare per salvare qualche posizione tra i vecchi dell’apparato dell’ex PCI, ma che mi sembra più un politico di spessore e di esperienza del filosofo Pippo. Ma anche lui non mi fa battere il cuore, ovviamente.Il solo con cui sto in una botte di ferro è Renzi: se vincesse lui e fosse il nuovo leader e premier in pectore del centro sinistra alle prossime elezioni potrò restare a casa col cuore in pace e l’animo sereno…

  10. Carlo il commento a firma @enio è il mio, ma non capisco come mai mi manda al sito di Luca (kremuzio)….. dovrebbe mandarti al mio blog: Altogheder da Chieti…

    • Ciao Enio. Non l’ho capito neanche io ma tant’è! Forse avevi un refuso di link e non te ne sei accorto. Comunque, l’arcano è chiarito ed ora che ho conferma che comunque sei tu l’autore del commento, sto a posto.

  11. Ricevuto il tuo pensiero tra cento acrobazie. Rispondo che se una persona come Barca ci sembra onesta e corretta,non capisco perchè la si scarta solo per questo ,preferendo il bel sorriso,l’aspetto e altre malie del genere. Siamo noi elettori che non abbiamo la mente e la mano fermi.Questo è il punto!Corinina

    • No Corinina, non siamo noi elettori i colpevoli, sono loro che si sono blindati con il porcellum, se fossimo liberi di esprimere le preferenze, l’80% di questi idioti andrebbe a mangiare alla caritas, invece mangiano lautamente derubando gli Italiani.Barca non si candida, in compenso sta facendo un bordello immane il berlusconiano renzi (minuscolo per spregio) e si, c’era una volta la sinistra, tanto tempo fa…ma tanto…Buon pomeriggio Corinina ;-))Tina

I commenti sono chiusi.