Pensieri veloci

Più passa il tempo e meno ce n’è per le cose piacevoli ma anche per informarsi e riflettere. La vita sta diventando una lotta quotidiana e bisogna ingegnarsi per non trascinare l’esistenza tra obblighi e solita routine: casa, lavoro, casa, lavoro, casa, lavoro e rotture di coglioni come diversivo. Magari spappolando il cervello davanti alla TV, alla fine di una giornata di merda. Come fanno in tanti, troppi. Allora le notizie provo a divorarle. Per riflettere mi sto attrezzando: per esempio, sfrutto i tempi morti. Il viaggio in scooter da casa in ufficio e viceversa, è uno di quei momenti. Non posso fare altro, le mani devono stare sul manubrio, l’attenzione alla strada. Non come una volta, però. Ci sono meno automobili in circolazione. La benzina a quasi 2 euro ha costretto parecchi ad affrontare il pendolarismo con i famigerati mezzi pubblici. Che, mi dicono i pendolari forzati, sono sempre quelli: sporchi, non adeguati e insufficienti. Meno auto in giro significa viaggiare più tranquilli e, quindi, poter riflettere anche se sei alla guida di uno scooter. Il problema, però, è trasformare le mie riflessioni in appunti che, poi, posso proporre in questo blog oppure per Operaincerta. Sullo scooter non c’è verso di farlo. Per ora, quindi, butto lì qualche riflessione veloce.

Odio avere sempre ragione. Neanche ho fatto in tempo a consigliare di “attendere il passaggio dei cadaveri” che i primi sono passati. I rappresentanti 5 Stelle che hanno votato i Presidenti di Camera e Senato proposti dal Pd, hanno dimostrato, e ce n’era tanto bisogno, di avere una loro coscienza e di voler lavorare per il Paese intero e non per i pasdaran grillini ed il loro guru. Spero continuino così. Ho apprezzato anche la reazione della rete, minoritaria purtroppo, ai latrati del guru all’indirizzo dei “traditori”. Perché il comico continua a ricordarmi il peggior berlusconismo? A proposito: ovviamente i cadaveri sono coloro che, tra i grillini in Parlamento, non hanno votato i Presidenti di Camera e Senato.

Il guru. Ma non doveva ritirarsi a vita privata se i rappresentanti del Movimento avessero votato i candidati di “altri” partiti? Invece sta ancora lì a sblaterare rabbia e, apprendo ora, domani si recherà al Quirinale per le “consultazioni” in rappresentanza del Movimento. Allora è un leader politico? Ma non aveva affermato che lui non avrebbe mai fatto il politico? A che titolo si reca in Quirinale? Chi l’ha votato?

Chi afferma che non è più tempo di fare distinzioni tra “destra” e “sinistra” e proprio non capisce perché ci si ostini a definirsi di “sinistra”, ascolti attentamente il discorso fatto alla Camera da Laura Boldrini. Poi torni qua a leggermi. Ecco, quello significa essere di sinistra e per quello io voto Sel. Ora torni in rete e cerchi quel gran discorso fatto sulla Boldrini, da Borghezio. Poi torni qua a leggermi. Ecco, quello significa essere di “destra” ed è per quello che io non voterò mai destra.

La mummia, minaccia: “se prenderanno anche il Colle, daremo battaglia in Parlamento e in strada”. Magnifico! Vieni giù in strada ma senza scorta però! Porta anche i tuoi tirapiedi che mi fai felice. Raccatta anche qualcuno del popolo dell’ammore se ci riesci. Mi trovi in prima fila e ti dimostro subito che da gran signore, quale ritengo di essere, mi trasformo nel più rozzo dei camalli. Ti investo con una battaglia di calci, su quello che una delle puttane da te pagate ha definito culo flaccido e ti assicuro che non basterà il botulino che ti sei sparato nelle vene per attutirne l’effetto.

Papa Francesco. Se i “fatti” saranno coerenti con le premesse che ho visto e sentito, avremo il primo papa “comunista” nella storia del Vaticano. Comunista è la definizione che usano quelli di destra per disprezzare coloro che parlano di rispetto delle persone, tutte, di rispetto dell’ambiente, di aiutare i poveri, di ripudiare la guerra! Insomma, quelli che vivono di ideali che cercano di trasformare in realtà.

Cipro. Semmai ce ne fosse ancora bisogno, le oligarchie che governano l’Unione Europea hanno dimostrato tutta la loro follia. Germania in testa, come al solito. Ancora una volta vanno salvate le banche che speculano investendo in “monnezza”. Ancora una volta si ricorre ai cittadini, pretendendo di salassarli con un sistema che è devastante: il prelievo forzoso sui conti correnti. Per fortuna il Parlamento cipriota ha bocciato la richiesta avanzata da Bce e Germania, spalleggiate da qualche altra fottuta nazione di questa sempre meno comprensibile Unione.

A parte gli effetti devastanti che la sola proposta ha provocato, chi governa l’Europa dimostra di avere poca conoscenza di quella che è una Storia già accaduta. Nel 1992, più o meno a metà anno, fu proprio l’Italia a ricorrere allo stesso sistema, per sostenere il nuovo cambio adottato dallo Sme. C’era il Governo Amato. Varò una delle tante manovre lacrime e sangue, tipiche del nostro Paese. Si inventarono l’Ici, aumentarono i tiket sanitari, aumentarono l’età pensionabile, imposero una patrimoniale alle imprese e tanto altro ancora. Tra le tante cose, anche un prelievo forzoso del 6 per mille sui conti correnti, mai più restituito. Massacrarono l’intero Paese e per cosa? Per nulla, dopo pochi mesi l’Italia dovette uscire dallo Sme per non fallire.

Pensieri velociultima modifica: 2013-03-20T12:48:21+00:00da bandita58
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Pensieri veloci

  1. maniera alquanto insolita per riflettere e buttare giu idee da pubblicare poi sul blog… almeno tu lo fai in maniera ecologica !

  2. Eh eh ciao Carlo
    davvero tanti argomenti, che dire… sui Grasso e Boldrini viene da chiedersi cosa ha criticare Grillo su queste due persone, vuole comandare al 100% cioè non vuole mai comandare perchè logicamente sarà impossibile. Aggiungo come ho già detto che cmq sia hanno preso 8milioni di voti non 60 milioni. Mi chiedo anche cosa c’è di nuovo in una politica che chiede per sè i posti (senato e camera) che chiede per se commessi e presidenti commissioni… se non sbaglio nemmeno la Dc.
    La ventata dei grillini sicuramente può servire a dare una scossa al resto della politica, quello che dice Grillo direi proprio di no… sulla loro metodologia sai come la penso.
    un saluto

  3. Ma tu mi leggi nel pensiero ! Facevo proprio , come hai commentato il mio post ” ermetico ” , — riferimento ai grillini che hanno votato secondo coscienza, da uomini , e non secondo quello che decide il guru (caporali quindi)– .
    Mi sembrano ” buoni ” i nuovi presidenti : perlomeno , son nuovi . Peccato che si siano ridotto del solo 30% lo stipendio , potevano dimezzarselo , secondo me . Papa Francesco sembra ” buono ” anche lui e nuovo è …… Un po’ troppo ” piacione ” , forse . A mio gusto . Buona srata ! wally

  4. Vedi Carle’ ha i così brillantemente e minuziosamente descritto la situazione che si sta vivendo e non c’è da aggiungere altro anche se sapessi farlo.
    Io mi auguro e spero che ci siano persone tra i cinque stelle che dimostrino la loro dignità e libertà. Sono stati eletti vero? E allora che c’entra il comico a fare da capo della delegazione al Quirinale di domani?
    Un caro saluto,
    aldo.

  5. Caro Carlo, ho letto i tuoi appunti. Mica male! Mi trovi d’accordo ,tranne che chiamare il Papa comunista.Comunista significa avere in comune tutto ,comprese le donne. Ora non mi dirai che…. Rido e poi tu non sei disposto al perdono come deve fare un buon cristiano. Porti odio al caimano fino al punto da sconnettere pure le parole.
    Abbi pazienza che forse le cose si aggiusteranno e i grillini saranno salutari,ma senza quello stronzo di Grillo che vuol fare la dittatura ,questa voolta dal basso,dalla classe estremista.
    Che Dio ce la mandi buona! Corinina

  6. Come si sta bene qui da te, in compagnia di questi tuoi pensieri in Libertà con la elle maiuscola (oddio, mi sta venendo la stessa sindrome di quando non potevo più gridare Forza Italia: quando scrivo elle ho l’urto di vomito, mannaggia a Grillo 😀 )

  7. è vero quello che dici..
    Siamo talmente presi a sopravvivere ai tanti problemi che l’unico momento di riflessione è quando siamo alla guida…
    Non è una vita facile…in tutti i sensi!

  8. Caro Carlo, non ho niente da aggiungere e niente da eccepire… hai detto tutto e condivido in pieno tutto.
    Sto aspettando di vedere i risultati che spero non tardino a venire, sia per quanto riguarda le decisioni del Governo, sia per quanto riguarda l’operato del “papa comunista”, che spero sia coerente con quello che dice.

    Buon inizio di primavera e che il risveglio sia, oltre che in Natura, anche negli animi di tutti.

  9. Ma quanti chilometri ci sono dal tuo posto di lavoro fino a casa tua?

    Ciao Carlo.

    Hai scattato la foto ad alta definizione del sistema Paese, del sistema Europa e del popolino che ancora ondeggia da una parte all’altra nella speranza di prendere le briciole che cadono dal tavolo del potere.

    Il comico voleva raggiungere lo scopo, ovvero, salire al colle e dettare le condizioni, al posto di Napolitano lo avrei fatto uscire dalla finestra…

    Consolati, il nostro governatore in salsa verde ha fatto un rimpasto e si è inventato un “assessorato alla conservazione del tartufo”…non sto scherzando, stiamo bestemmiando da ieri.

    Buona serata Carlo ;-))

  10. Buona sera,Carlo.Allora di nuovo c’è che ci prepariamo ad un inciucio odioso,ma il tempo incalza e l’economia va a rotoli .Non sono affatto fiduciosa in nessun programma. Come sono lontani i tempi della spensieratezza e dell’ironia ! Tuttavia, un sorriso.
    Corinina

  11. Carlo vuoi vedere il vero ”comunismo”?
    Dico seriamente! Restando sulla linea di quello che hai scritto ovviamente.
    Leggi Rerum Novarum (1891) di Leone XIII,
    Quadragesimo Anno (1931) di Papa Pio XI,
    Mater et Magistra (1961) di Papa Giovanni XXIII,
    Populorum progressio (1967) di Papa Paolo VI,
    Centesimus annus (1991) di Papa Giovanni Paolo II,
    Caritas in veritate (2009) di Papa Benedetto XVI.
    Molti, anche la maggior parte dei cattolici, quasi tutti in verità, non hanno letto una sola riga di queste perle. E non hanno dedicato un minuto ad un discorso, un richiamo, un documento, un comunicato. Per tante ragioni, tutte valide. Ma anche per tanta pigrizia e ipocrisia.
    Ecco perchè non mi sembra tu possa offenderti se ti consiglio queste piacevolissime letture. Tu non fai parte della cerchia dei bigotti ciucci e presuntuosi.
    Ti consiglio, al di la del giudizio sul clero e le questioni di fede di dedicarci qualche oretta.
    Viva Francesco, ma è il frutto di un albero. Non è che l’ albero lo consideriamo solo se i frutti non sono di nostro gradimento.
    Un salutone!!!
    P.S.: sono a Roma da…tra dodici ore fino a mercoledi. Ma stavolta niente porchetta, mi sa che resto in città.

I commenti sono chiusi.