Cadaveri

Siediti lungo la riva del fiume e aspetta: prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico

(Confucio)

Passeranno, potete starne certi! Ovviamente, cadaveri in senso metaforico perché la maggior parte dei novelli talebani che oggi fa scorribande in rete nel nome dei 5 Stelle non si sognerebbe mai di salire, veramente, su una barricata. Neanche la maggioranza di coloro che hanno riempito le piazze per ascoltare il comico e che, nella migliore delle ipotesi, sono della serie “armiamoci e partite”! Se fossimo un Paese di “rivoluzionari” non saremmo al punto in cui siamo e con un livello di corruzione e disonestà che, al confronto, i politicanti della prima Repubblica sembrano giovani educande di un istituto religioso. Per giunta la “rivoluzione” come la intendo io è quella morale e democratica, fatta individualmente con le nostre coscienze e nella società. In un Paese di menefreghisti e qualunquisti, dove la classe lavoratrice è stata spogliata di ogni dignità senza muovere un dito, è pura utopia.

Avevo accennato ai “cadaveri”. E’ una goduria passare per quei blog che si schierarono apertamente per Grillo oppure parlare di persona con coloro che avevano dichiarato il loro voto al Movimento e scoprire che si, un po’, cominciano a pentirsi del voto che hanno dato! Mica lo fanno apertamente però! Iniziano con dei distinguo, dei non capisco, dei non mi sembra opportuno, dei bisognerebbe fare. Un anticipo del cadavere che passerà. Purtroppo, insieme a tutto il Paese se va avanti così.

Dicevo dei talebani: somigliano in modo impressionante al “popolo dell’ammore”. Ricordate? Non potevi muovere una critica al papi che venivi travolto da una valanga di insulti. Provate ora a muovere un’obiezione nei confronti di quanto sta facendo il comico a 5 Stelle ed otterrete lo stesso risultato! Poche sere fa, durante una cena è saltato fuori che ben 3 commensali su 8 avevano votato M5S. Per inciso, due ex elettori del Pdl ed un ex elettore del Pd. Forse perché si sentivano in minoranza, forse perché le critiche erano state precise e circostanziate, hanno scatenato una rissa verbale senza precedenti.

Sempre pochi giorni fa sono passato in un blog di “sinistra” dove spesso vado a leggere e qualche volta a commentare. A differenza delle altre volte quando, a mala pena, trovavo commenti che si potevano contare sulle dita di una mano, ho trovato un putiferio messo su da un numero incredibile di talebani a 5 Stelle. Per la maggior parte, ovviamente, anonimi! Spuntano come i funghi alle prime piogge d’autunno.

Grillo, al pari del papi, è riuscito in ciò che la Chiesa cattolica non è riuscita in 2000 anni di storia: avere tanti fedeli acritici.

Un’ultima citazione da Confucio: “per salvare la società bisogna salvare l’uomo“. Appunto!

Cadaveriultima modifica: 2013-03-11T23:26:32+00:00da bandita58
Reposta per primo quest’articolo

23 pensieri su “Cadaveri

  1. Confucio docet.
    E io attendo pazientemente, anche se enormemente incazzato, che il berlufolle e il comico con le loro schiere galleggino sul fiume che sto guardando.
    Un caro saluto,
    aldo.

  2. Stamane, mio giorno di part time, ero all’Agenzia delle Entrate di Pomezia per una pratica. Siamo entrate nei soliti discorsi che si fanno tra sventurati rappresentanti della p.a. – lei Ministero Finanze, io Regione Lazio – e lei mi ha detto, offrendomi il capo chino: “signora, ho votato Grillo, la prego, mi picchi”
    (Hai stra ragione sui cadaveri, e sull’amara ma intensa goduria che sto provando anch’io nel constatare lo sconcerto, l’imbarazzo, lo smarrimento e la vergogna ladresca di tante anime belle e sofisticate che conosco sul web, altro che la candida signora di stamane. E in quanto a risse verbali, poi, tu sai che io non mi tiro indietro… 😀 )

  3. Sai Carlo mi sembrava di leggermi …cambiando il soggetto.
    😉
    scusa ma a me sembra che ognuno goda a trovare le pagliuzze negli altri, ma se gli tocchi le sue…

  4. ciao Carlo,
    pur rispettando la buona volontà e le buone intenzioni dei fedeli grillini non ho mai pensato ad un loro possibile inserimento nella tortuosa strada della politica. Se non sono angeli o alieni, le realtà che si troveranno ad affrontare sono talmente fuori dalla loro portata di novizi che sa di impresa impossibile anche solo a livello organizzativo.
    Se poi pensiamo che i fili delle loro eventuali iniziative personali sono pilotati da una persona sola (alla maniera del sovrano del Pdl), o ripercorrono tutti la strada che “ruby è la nipote di Mubarak” o se hanno un pò di dignità contesteranno il loro capo, con evidenti ulteriori difficoltà interne.
    Come non condividere quello che urlava Grillo nelle piazze? Ma con un minimo di buon senso, era così difficile non abbandonarsi a questo tsunami che al momento sembra più una pisciata contro vento ? (questa mi mancava nella serie che ho postato…)

    A presto. Buon pomeriggio. robi

  5. Sono solo esaltati, che vuoi farci? C’è modo e modo per esprimere le proprie opinioni e loro hanno un pessimo modo. D’altra parte se adorano Grillo un motivo ci dev’essere. Sono capaci solo di mandare tutti affanculo.
    Il segreto, forse, è semplicemente non nominare il loro dio. In fondo sono solo zeri che contribuiscono a far diventare il loro uno importante.

    Buona serata Carlo! Io vado a vedere la fine di Trilussa.

  6. …e se mentre vado a fare pipì passa il cadavere e non me ne accorgo?…passo il tempo della mia vita ad aspettare come Godot?

    Ciao Carlo, da quanto letto in giro e da quanto sentito, il M5S si sente padrone della politica Italiana, non so cosa giri per la testa dei suoi eletti, lo capirò il 15 marzo, ma una cosa la sto verificando, la politica è morta da un pezzo e noi ce ne siamo accorti solo ora.

    Siamo orfani inconsapevoli e a farcelo capire è stata la marcia dentro il tribunale di Milano e la mancata reazione della sinistra a una simile abnorme manifestazione, della serie, botteghe oscure si sono oscurate in maniera permanente a nostra insaputa.

    Notte buona Carlo ;-))

  7. …… prima delle elezioni , alla posta , dalla parrucchiera , nei negozi , tante/i giovani e tante/i meno giovani , proclamavano con entusiasmo che avrebbero votato Grillo . Pare il 26 luglio ’43 , che nessuno era più fascista : adesso , nessuno pare più grillino . E meno male che non ci han messo vent’ anni come allora ….. Buona serata ! wally

  8. Leggevo il commento di Wally e mi è nata una domanda:
    come mai, da quando voto io(1990), ogni volta che c’è malcontento, delusione, incazzatura, ecc i voti confluiscono ovunque tranne che nel csx?
    Abbiamo avuto esplosioni dei radicali, di forza Italia, della lega, dei grillini, ecc ma non ricordo esplosioni (parlando di elezioni nazionali) di voti per il csx.
    come mai?(o ricordo male io???)

  9. @ Stefano

    Se vai indietro nel tempo trovi il 1974, 1976, 1978.

    Ma trovi anche Berlinguer, Pintus, Lombardi, Pertini, Aglietta, Ingrao, Magri…

    Insomma, non c’è storia, mettici che la storia per molti “è una roba che non fa mangiare” e il qualunquismo è servito.

  10. Forse perché quelli di sinistra sono più suscettibili, esigenti (con se stessi e soprattutto con quelli che dovrebbero rappresentarli), meno tetragoni e resistenti di quelli della tua parte, xpisp? 😀

  11. @Tina
    Appunto… mi sono soffermato agli anni in cui ho votato…già non sono proprio pochini 😉

    @Cri
    posso avere un paio di dubbi? il primo è su quale sia la mia parte…
    il secondo è sulla suscettibilità,l’esigenza, ecc.
    Se così fosse oggi non avremmo una simile situazione 😉 ma avremmo un numero di non votanti molto + alti.
    Purtroppo per te conosco diversi personaggi che voterebbero per il csx anche se questo andasse in direzioni anomale, tanto quanto esiste uno zoccolo duro dall’altra parte.(sarebbe interessante sapere quanti tra i lettori di Carlo, e Carlo abbiano mai votato non per il csx)
    Quello che intendevo è che c’è una parte di elettori che quando resta delusa vota per altri, ma difficilmente ricordo un voto che abbia premiato il csx.
    Mi chiedevo quindi se fosse un problema di mentalità, mancanza di comunicazione oppure, specialmente negli ultimi anni, errato obbiettivo trasmesso agli elettori.

  12. @@@ PER XPISP @@@

    Ciao Stefano. Faccio parte di quello che hai definito “zoccolo duro” ovvero, per quanto mi riguarda, sono 30 anni che non voto altro se non centrosinistra. Per essere più precisi, negli ultimi 8 solamente “sinistra” con una breve sbandata a livello locale 4 anni fa: M5S.

    Questo è dovuto al fatto che credo di aver sviluppato una coscienza che non mi consente di votare altro se non centrosinistra o sinistra. Inoltre, sempre per quanto mi riguarda, sbagli a pensare che potrei votare per un centrosinistra che va in “direzione anomala”. Infatti, ho ampiamente criticato le aperture al centro di piercasinando oppure di monti che, all’inizio della campagna elettorale, aveva manifestato Bersani, rischiando di perdere il mio voto. Si è salvato solamente perché Vendola è entrato in quella coalizione con l’intento di spostare l’asse d’influenza dal centro, appunto, a sinistra.

    Detto questo, però, vorrei che tu capissi una cosa: a me, il “centrodestra” o, addirittura, la “destra” non mi potranno mai rappresentare perché sono un’ideologia, un modo di concepire la società, un modo di pensare la vita degli individui e tanto altro ancora che non mi appartengono.

    Per farti qualche esempio, la Storia insegna che l’egualitarismo è di sinistra e non può essere di destra così come il welfare state, l’economia sociale di mercato, la critica alla globalizzazione, la separazione tra Stato e Chiesa.

    La sinistra è legata ad ideologie che auspicano l’uguaglianza economica e l’abbattimento delle divisioni sociali e non è un caso che è stata la sinistra e non la destra a rappresentare le lotte operaie dell’800, contro lo sfruttamento delle classi disagiate. E’ sempre la sinistra e non la destra a considerare la religione e le divisioni sociali come strumenti attraverso cui le classi dirigenti assoggettano il popolo, per sfruttarlo. E’ sempre la sinistra e non la destra ad aver lottato per la libertà di stampa, la parità tra i sessi, per il voto alle donne, per la libertà di coscienza ed autodeterminazione, per il divorzio, l’aborto, la tutela dei lavoratori… e tanto, tanto altro ancora.

    Tutto il resto, invece, è centrodestra oppure, perché noi ci siamo concessi anche questo lusso, destra. Quella fascista.

    Coloro che zompettano da una parte all’altra sono, come dice Tina, qualunquismo oppure, come dice Cri, gente meno esigente o più tetragona. Aggiungo io, più modestamente, gente che ancora non ha raggiunto una consapevolezza e realizzazione del “sé”.

  13. la storia insegna:
    ” “…L’altra questione sulla quale sono in disaccordo con te, è quella del trattamento dei prigionieri. Non sono per niente feroce, come tu sai. Sono umanitario quanto te, o quanto può esserlo una dama della Croce Rossa. La nostra posizione di principio rispetto agli eserciti che hanno invaso la Unione Sovietica, è stata definita da Stalin, e non vi è più niente da dire. Nella pratica, però, se un buon numero dei prigionieri morirà, in conseguenza delle dure condizioni di fatto, non ci trovo assolutamente niente da dire, anzi e ti spiego il perché. Non c’è dubbio che il popolo italiano è stato avvelenato dalla ideologia imperialista e brigantista del fascismo. Non nella stessa misura che il popolo tedesco, ma in misura considerevole. Il veleno è penetrato tra i contadini, tra gli operai, non parliamo della piccola borghesia e degli intellettuali, è penetrato nel popolo, insomma. Il fatto che per migliaia e migliaia di famiglie la guerra di Mussolini, e soprattutto la spedizione contro la Russia, si concludano con una tragedia, con un lutto personale, è il milgiore, è il più efficace degli antidoti. Quanto più largamente penetrerà nel popolo la convinzione che aggressione contro altri paesi significa rovina e morte per il proprio, significa rovina e morte per ogni cittadino individualmente preso, tanto meglio sarà per l’avvenire d’Italia…”.
    è questa la sinistra che insegna la storia?

  14. @@@ PER XPISP @@@

    Ciao Stefano. Vorrei farti una domanda: ma non ti sembra ridicolo replicare con questo brano di una lettera del 43 di Togliatti, un comunista particolarmente discusso, per sconfessare la mia affermazione “la storia insegna”, dopo che ti ho fatto un elenco di conquiste di civiltà, tutte fatte per merito della sinistra italiana tra cui anche quella “comunista”?

    Guarda, allora ti suggerisco di ricordarmi il “comunismo” dell’ex Unione Sovietica con i suoi gulag oppure quello cinese! Ma anche quello coreano o di qualche statarello dittatoriale africano!

    Così io ti potrei replicare con la storia della destra in Europa e nel mondo, ricordarti del nazismo e del fascismo, della dittatura greca, argentina o di quella spagnola… per dimostrarti quanta merda c’è stata e c’è ancora nella destra storica e moderna, diversamente da quella che è la MODERNA “sinistra” italiana. Quella che è definita “progressista” a differenza della destra che, invece, è definita “conservatrice”.

    Facciamo che non la considero proprio la tua replica… è stato solo tempo sprecato! Semmai una cosa l’hai dimostrata: replichi spesso per luoghi comuni.

    Ciao e buon fine settimana!

  15. Caro Carlo, i miei sono luoghi comuni e tuoi sublimi esempi di non linearità!
    TU, non io, dici che la sinistra non ha MAI governato, mi chiedo quindi come possa aver fatto certe cose.
    O le cose buone arrivano da sinistra e quando c’è la merda ..no ha governato(eppure io ricordo un governo recente).
    Sei tu che parli di storia, se un pensiero simile fosse uscito da un altro avresti opinioni ben diverse.
    La tua capacità di critica ti fa scegliere Vendola che dice tutte le cose che dici tu(poi mi amplierai il discorso di uguaglianza economica quando vuoi? grazie!) ma poi finanzia un ospedale RELIGIOSO e privato. Direi Lineare!
    Strano, ricordavo che alcune conquiste sociali fossero arrivate da altre parti in Italia, ma forse mi confondo!
    Buon WE..brontolone! 😉

  16. Per ora accontentati di vedere la scialuppa alla deriva.
    L’è dura!!!!!
    Beh,Carlo,qualche segnale mi pare che ci sia stato mandato.Vedremo tra poco se è un segnale di fumo. Buona domenica e sempre con grinta . Vedrai che ce la faremo!
    Corinina

  17. Amico mio! però mi permetto di mettere una piccola parola in favore dei neo eletti. Sono persone e non accettano imposizioni, chissà che abbiano il buon senso di comportarsi secondo le loro convinzioni e non secondo i dettami di chicchessia. Non sono brava a giudicare le persone di primo acchito, ma ho spesso intuizioni nei loro riguardi che mi portano a vederne il buono o il marcio, e in questo caso son affacciata alla finestra con la speranza di vedere alcuni “cadaveri” passare, ma anche molti becchini. Voglio sperare, altrimenti la reazione della gente sarà pericolosamente incivile.
    Anna

  18. ciao Carlo
    è una “vita” che non passo ma mi fa piacere ritrovarti più che mai agguerrito
    i grillini? da ciò che circola mi sa che subiranno una metamorfosi tale che nessuno li riconoscerà più ne da vivi ne da morti….
    in tanti si son lasciati abbagliare stufi che niente cambiava senza riflettere a chi affidavano il mutamento e adesso che han combinato sto gran ca…no d’ingovernabilità se so tutti o quasi affrattati per la vergogna.
    un salutone
    dif

  19. Applausi, caro Carlo, applausi.

    Da farsi venire le vesciche ai palmi.

    Questo e’ un post assolutamente perfetto.

    E quando, di rado, incontro la perfezione, ogni altra parola diventa superflua.

    Ancora applausi.

    Hasta
    Zac

  20. Carlo…secondo me assisteremo a un ennesimo trasformismo…i grillini faranno come tutti gli altri… peccato che gli italiani quando si innamorano lo fanno senza cervello…a naso…ma purtroppo ne vedremo!!!!!!!!!!!!!!

  21. @xpisp
    Perché “purtroppo per me”? A me mica dispiace se mi parli di zoccolo duro del centrosinistra. Anzi 🙂
    In quanto a me, per dire, “purtroppo” non ne faccio parte: sai, io ho passato trent’anni tra monache e preti, credevo in buona fede che i comunisti mangiassero i bambini e nella mia prima giovinezza ho votato DC – e, una volta, persino MSI, Manitù mi perdoni! -, fino a che l’avvento di berlusconi, no, non quello in politica, quello in televisione, dal 1982 in poi, non mi ha pian piano fatto aprire gli occhi e il cervello. L’ultimo decennio del mio cattolicesimo praticante l’ho fatto spostandomi progressivamente a sinistra, finché, nel 2001, mi sono anche tesserata DS per aiutare “dal di dentro” quello che consideravo il partito più in difficoltà nella coalizione di centrosinistra di allora. Ora credo di potermi definire cattocomunista (Dio, quanto mi piace essere vintage), se “catto” si può dire di una che è diventata un’accanita mangiapreti…
    Del mio periodo di plagiata mi è rimasto un fiuto eccezionale per i plagi e i plagiatori di ogni latitudine; e un fastidio insopportabile per gli uni e gli altri 😉

I commenti sono chiusi.